Fibromialgia

Fibromialgia, sindrome e stili di vita

Informazioni utili sulla fibromialgia

L’evento in diretta streaming “Fibromialgia, sindrome e stili di vita” è un’occasione per sensibilizzare il pubblico su una patologia davvero insidiosa, ma anche per parlare di cucina, scienza e salute. Questa è la sintesi del secondo appuntamento del progetto che il Mondo delle Intolleranze ha intrapreso con la collaborazione della Regione Lombardia, finalizzato a fornire uno spazio di confronto e informazione sulle intolleranze alimentari nel periodo di emergenza pandemica.

A fare gli onori di casa, Tiziana Colombo, presidente dell’Associazione Il Mondo delle Intolleranze. A moderare gli interventi sono stati illustri professionisti, come Sonia Re, Direttore Generale dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani. All’evento ha partecipato anche il dott. Michele Di Stefano,  Specialista  in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva, che ha ricordato ai tanti internauti collegati da remoto il format dell’evento, ribadendo contenuti e finalità.

Un focus sulla fibromialgia

Il primo intervento sulla fibromialgia è stato tenuto dal dott. Marco Monzani, membro del comitato scientifico de Il Mondo delle Intolleranze e specialista in endocrinologia. Egli ha sottolineato il carattere di mistero che aleggia ancora intorno alla fibromialgia, soprattutto dal punto di vista eziologico. Dalle parole del dott. Monzani emerge la necessità di considerare la fibromialgia come un disturbo che coinvolge allo stesso tempo la psiche (in una prospettiva psicosomatica), il sistema nervoso, il sistema immunitario e quello endocrino. In virtù di ciò, la patologia richiede un approccio sistemico, finalizzato alla ricerca di un equilibrio.

Il tema è stato ripreso da Giuseppina Fabio, vicepresidente dell’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica, che ha espresso rammarico per le difficoltà che le persone affette da fibromialgia incontrano nell’accesso alla diagnosi. Spesso, infatti, si arriva ad essa dopo molto tempo e molte energie sprecate, principalmente a causa di una sottovalutazione del problema. Giuseppina Fabio ha precisato che lo scopo dell’associazione è sostenere i pazienti non solo dal punto di vista medico, ma anche e soprattutto dal punto di vista psicologico. Tale supporto è necessario più che mai in questo periodo, caratterizzato da una certa difficoltà nel farsi seguire da medici specialisti.

La fibromialgia in tempo di Covid

Una finestra sulla fibromialgia, e sui risvolti dal punto di vista sanitario, è stato aperto dal dott. Piercarlo Sarzi Puttini, professore di Reumatologia. Egli ha rilevato come i sintomi del Covid siano mediamente più gravi del 40% nei pazienti fibromialgici rispetto alla normale popolazione. Tra l’altro, spesso la sintomatologia si sovrappone, infatti i sintomi della fibromialgia comprendono non solo i disturbi dell’umore e del sonno, ma anche i problemi neurocognitivi, il dolore diffuso e la stanchezza.

La dott. Lisa Paolucci, biologa nutrizionista, ha affrontato il tema dal punto di vista alimentare. Nello specifico, ha rilevato come le terapie per la fibromialgia possano causare effetti collaterali di natura intestinale, esacerbati da una condizione di stress psicologico in quanto cervello e intestino sono strettamente collegati. Il dott. Massimo Alosi, pediatra ospedaliero, ha spostato il tema sulla gravidanza e sull’allattamento. La fibromialgia, a detta dello specialista, può peggiorare la condizione delle donne incinte, provocando potenziali parti prematuri. Alcune difficoltà si riscontrerebbero anche in occasione dell’allattamento, inoltre la gravidanza può acuire i sintomi della fibromialgia.

Lo showcooking di Danilo Angè

L’evento sulla fibromialgia è stato impreziosito anche dalla sessione di showcooking di Danilo Angè, chef docente de Il Mondo delle Intolleranze. Il maestro ha allietato gli spettatori con una ricetta squisita e semplice da preparare: il tortino di alici. Un piatto proteico, leggero e adatto anche a chi soffre di intolleranze alimentari. Trovate la ricetta in calce a questo articolo.

L’evento si è concluso con una pillola d’arte a cura dagli Amici dei Musei e dei Monumenti Pavesi in collaborazione con Decumano Est. Come al solito, hanno individuato delle opere d’arte che potessero rappresentare il tema della serata. Nello specifico, hanno optato per le opere di Frida Kahlo, un esempio di sofferenza cronica, gestita con dignità e forza d’animo.

Ecco la ricetta del tortino di alici:

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 gr. di alici pulite,
  • 100 gr. di pane grattugiato senza glutine,
  • 1 mazzetto di prezzemolo,
  • 60 gr. di capperi dissalati,
  • 600 gr. di patate,
  • 1 mazzetto di basilico,
  • 200 gr. di spinaci,
  • 300 gr. di piselli,
  • 1 mazzetto di menta,
  • b. di olio extravergine di oliva,
  • b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del tortino di alici, in occasione dell’evento sulla fibromialgia, iniziate cuocendo le patate al vapore. Poi pelatele, schiacciatele e arricchitele con il basilico tagliato a julienne e qualche pizzico di sale. Ora sgranate i piselli e passateli brevemente in padella insieme agli spinaci ben lavati, poi aggiungete un po’di olio extravergine di oliva, sale e menta tagliata a julienne.

Inserite nel bicchiere del mixer il pane grattugiato, un po’ di olio d’oliva, i capperi, il prezzemolo e frullate il tutto. Adagiate le alici a strati all’interno di una pirofila e, tra uno strato e l’altro, inserite il pane aromatizzato. Condite il tutto con un po’ di olio extravergine d’oliva e cuocete al forno per 15 minuti a 190 gradi. Adagiate le patate nei piatti di portata, poi mettete le alici (aiutandovi con il coppapasta) e guarnite con gli spinaci, i piselli e qualche foglia di menta.

Condividi su:

1 Comment

  1. […] un ortaggio dalle mille proprietà. Privo di calorie, ha effetti benefici sul il nostro sistema immunitario e, grazie all’alto contenuto di fibre che propone, promuove la salute dell’apparato […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search

+