Vitamina K

Vitamina K: cos’è,a cosa serve,dove si trova?

La vitamina K, nota anche come naftochinone, è una delle vitamine liposolubili accumulate nel fegato e che di conseguenza non necessita un’assunzione continuativa attraverso cibi. Il corpo la rilascia pertanto a piccole dosi, quando diventa necessaria per l’organismo.

Nello specifico la vitamina K serve nel processo di coagulazione del sangue e assicura la funzionalità delle proteine che formano e mantengono in forma le ossa. Un’importanza non certo secondaria, ragion per cui è bene intervenire prontamente nel caso in cui vi siano deficit di questa vitamina.

In Italia alla nascita di ogni neonato viene praticata un’iniezione intramuscolare di vitamina K per limitare il rischio di emorragie gravi che potrebbero risultare fatali per il piccolo (Vitamin K Deficit Bleeding ovvero sanguinamento da deficit di vitamina K). Questa condizione potrebbe verificarsi in quanto la vitamina K ha un passaggio placentare scarso ragion per cui è presente in ridotte quantità nel sangue del neonato alla nascita. La produzione autonoma avviene a livello intestinale in presenza della relativa flora batterica che, nel nascituro, per ovvie ragioni risulta assente. Ecco perché queste condizioni rendono indispensabile un’integrazione immediata.

Dove si trova la vitamina K e quali sono le conseguenze in caso di carenza

La vitamina K si trova principalmente in alimenti di origine vegetale quali pomodori, spinaci, cavoli, broccoli, asparagi, piselli, cime di rapa, fagioli, soia e olive, ma è presente anche nel fegato. L’assunzione di tali alimenti facilita quella che è la produzione di naftochinone a livello intestinale.

Il fabbisogno giornaliero in un individuo adulto si aggira attorno ai 140 microgrammi, quantitativo facilmente raggiungibile grazie a una corretta alimentazione.

Quando ci si trova dinnanzi a un corpo che presenta carenze di vitamina K si potrebbero manifestare serie problematiche connesse alla coagulazione del sangue, con conseguente maggior rischio di incorrere in emorragie. È bene però evidenziare come questa carenza si verifichi per lo più in presenza di patologie che impediscono il regolare assorbimento intestinale, oppure in caso di terapie prolungate a base di antibiotici.

Ulteriori effetti indesiderati connessi a una carenza di questa vitamina includono anche:

  • Fratture ossee frequenti
  • Osteoporosi
  • Forme di artrosi.

Oltre ai rischi connessi a una carenza di vitamina K, è anche importante parlare di casi in cui vi è un eccesso della stessa, sebbene siano piuttosto rari. In presenza comunque di una quantità eccessiva di naftochinone potrebbero esserci le seguenti manifestazioni:

  • Vomito
  • Anemia
  • Trombosi
  • Sudorazione eccessiva
  • Vampate di calore
  • Senso di oppressione al petto.

Vitamina K1, K2, K3

La vitamina K viene suddivisa in tre gruppi a seconda della diversa origine, natura e funzione. Questi sono:

  • K1, o fillochinone, di origine vegetale, interviene nei processi di coagulazione sanguigna
  • K2, o menachinone, di origine batterica, favorisce l’assorbimento della microflora intestinale, risultando necessaria per il benessere delle ossa
  • K3, o menadione idrosolubile, è di origine sintetica e presente all’interno di farmaci che si occupano della regolazione della coagulazione del sangue.
Condividi su:

3 Comments

  1. […] del rocher di uovo di quaglia! Iniziando con quest’ultimo, dovreste sapere che contiene numerose vitamine, minerali e proteine. Grazie ad alcune ricerche, sappiamo che si tratta di un uovo in grado di […]

  2. […] proprietà: questo, infatti, è ricco di fibre, acidi grassi benefici per il corpo, antiossidanti, vitamine e sali minerali. È la presenza di questi elementi, benefici per lo stato di salute ottimale del […]

  3. […] e per troppo tempo ne compromette le caratteristiche organolettiche oltre che quelle nutrizionali (vitamine e altri elementi nutritivi vengono distrutti dal calore […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search

+