Potassio

A cosa serve il potassio nell’organismo?

Il potassio è un macroelemento, ovvero uno dei minerali presenti nell’organismo in quantità elevate. Si tratta nello specifico del principale minerale presente nelle cellule e in un individuo adulto ne sono presenti circa 180 grammi.

Questo è coinvolto in molteplici processi per il corretto funzionamento dell’organismo. Partecipa alla contrazione muscolare, inclusa quella del cuore, contribuisce alla regolazione dell’equilibrio dei fluidi e dei minerali all’interno e all’esterno delle cellule e aiuta a mantenere la pressione nella norma smorzando l’influenza esercitata dal sodio. La sua presenza riduce il rischio di calcoli renali ricorrenti e la possibilità di perdita di tessuto osseo durante le fasi di invecchiamento.

Una carenza di potassio è altamente improbabile, ma, ove si verificasse, porterebbe come conseguenze debolezza muscolareirregolarità del battito cardiaco, cambiamenti dell’umore, nausea e vomito.

Negli anni è stato evidenziato come bassi livelli di potassio risultino associati a pressione alta e malattie cardiovascolari. Un incremento nell’assunzione di questo minerale, se associato a una riduzione dell’apporto di sodio, potrebbe ridurre il rischio di eventi negativi a carico di cuore e arterie. È bene però mettere in evidenza come a oggi non vi siano evidenze scientifiche che convalidino l’effetto del potassio nel contrastare episodi di pressione alta.

Parlando invece di eccessi di questo minerale, è bene sottolineare come il corretto funzionamento dei reni dovrebbe scongiurare questo rischio, andando infatti a smaltirlo attraverso l’urina. Al contrario, in caso di malfunzionamento renale oppure per assunzione di farmaci, potrebbero verificarsi condizioni di ipercalemia, ovvero un eccesso di potassio nel sangue. Le conseguenze più frequenti implicano debolezza, rallentamento del battito cardiaco e pericolose aritmie.

In quali cibi troviamo quantitativi maggiori di potassio

Il potassio è un minerale presente in tutti gli alimenti, sebbene in quantità differenti, ma i vegetali freschi ne sono particolarmente ricchi. La lavorazione degli alimenti al contrario può andare a modificare il contenuto di potassio nei cibi stessi.
Le fonti principali sono:

  • Pomodori
  • Cetrioli
  • Zucchine
  • Melanzane
  • Zucca
  • Patate
  • Spinaci
  • Carote
  • Fagioli
  • Frutta secca
  • Banane
  • Albicocche
  • Prugne
  • Datteri
  • Pere
  • Kiwi
  • Latticini
  • Carne rossa
  • Pollame

Per un adulto si considera adeguato un apporto pari a 2000 mg al giorno.

Condividi su:

1 Comment

  1. […] nutrizionali, in quanto regala all’organismo un sostanzioso apporto di selenio, manganese, potassio, ferro, calcio, fosforo, sodio, magnesio, zinco, rame, vitamina A, C, E, K, J e alcune vitamine del […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search

+